Home spettacoli Il ritratto di Dorian Gray
Il ritratto di Dorian Gray

Sabato 21 maggio 2011 ore 20:30, Teatro Gobetti, Torino.

 


IL RITRATTO DI DORIAN GRAY

DI OSCAR WILDE


PRIMA ASSOLUTA NAZIONALE


 

Dorian è un giovane ricco e bello della Londra altolocata, si muove con eleganza e naturalezza nei salotti più alla moda della sua città, suscitando approvazione per le sue parole e ammirazione per la sua bellezza. I conoscenti lo considerano un’opera d’arte, tanto che un suo amico pittore realizza un quadro che lo raffigura in tutta la sua straordinaria bellezza.

In un momento di riflessione Dorian desidera profondamente che il quadro potesse invecchiare al posto suo, in modo da rimanere sempre giovane e mantenere intatta nel tempo la sua bellezza: sarebbe disposto perfino a perdere l’anima.

Pare che qualcosa sia realmente successo, perché Dorian da quel momento non invecchierà più, ma le sue giornate si riempiranno di ogni sorta di nefandezza. Gli amici sono sempre più affascinati da quello che considerano un uomo bello, bravo, pieno di virtù, anche se, dopo alcune vicende oscure, cominciano a dubitare della sua integrità morale, ma come a tutti coloro che portano in sé la gemma della bellezza, perdonano tutto. Un patto con la vita a costo di perdere le serenità dello spirito, un patto troppo forte per essere sciolto con semplicità. Dorian capirà molte cose davanti al quadro che lo giudica con un ghigno malefico, capirà che la bellezza si deve cercare dentro di noi in modo puro e trasparente. Il finale scioglie il terribile nodo che lega il protagonista all'inferno di un'esistenza malata nello spirito, ma meravigliosamente bella e intatta nel volto di Dorian Gray. Il prezzo è alto e tormentata l'estrema inevitabile decisione.

Lo spettacolo, capolavoro di O. Wilde, si dipana sul palco tra salaci e divertenti battute, riflessioni ironiche, quasi scanzonate su una società falsa e perbenista, ma anche momenti di pensiero intenso e pregno della saggezza, che solo O. Wilde poteva avere.

Nello spettacolo è inserito anche il personaggio dello stesso Oscar Wilde che parla in modo appassionato con la madre, del romanzo che sta scrivendo, “Il ritratto di Dorian Gray” appunto. Emenrgerà anche il rapporto contrastato e struggente con la moglie Constance, l'ambiguità di certe amicizie. Wilde descriverà così nel romanzo la sua stessa vita. Sul palcoscenico, lo spettatore viene posto davanti ad un grande autore che pensa all’opera e la vede, quasi per magia, concretizzarsi sotto i suoi occhi, come se fosse tutto reale, tutto da poter toccare, sentire con tutti i sensi.

Non c’è un solo momento di pausa, di allentamento, di stanchezza, la positiva tensione che lo spettacolo provoca nello spettatore alterna momenti leggeri, che brillano alla luce del sorriso più intelligente, a momenti intensi e di profondo pensiero.

Mai pesante o retorico, O. Wilde, con questo capolavoro letterario, ci lascia una grande eredità: la saggezza e l’ironia dell'arte, il pensiero profondo e il gioco più solare della vita. L'opera ci lascia una traccia di vissuto, che si assapora intensamente, senza la banalità del già detto, bensì con l’entusiasmo della continua entusiastica scoperta.


Particolarità importante è che lo spettacolo è inedito, infatti “Il ritratto di Dorian Gray” è un romanzo e in teatro non è stato rappresentato, non ci sono ancora trasposizioni teatrali italiane del romanzo.

In scena:

Ladies: Simonetta Baldi, Maria Cristina Lettera, Ornella De Vitis, Valeria Francese

and

Gentlemen: Maurizio Messana, Danilo Fanelli, Roberto Bertulli, Pino Cesareo

Regia Maurizio Messana


Sabato 21 maggio 2011 TEATRO GOBETTI via Rossini, 8 Torino

ORE 20,30

BIGLIETTO intero €15,00 ridotto € 10,00 (minorenni e over 60)

per info. e prenotazioni: 011.2204763 / 347.4304091

www.gruppoteatro1.it

 

Visualizza pieghevole di sala:


 

Copyright © 2019 gruppoteatro1 - Designed & Developed by 3NWT.